Dal 7 febbraio riapre lo sportello della “Nuova Sabatini” per gli incentivi alle imprese: con uno stanziamento di 480 milioni di euro la legge di bilancio 2019 continua dunque ad agevolare le piccole e medie imprese che intendono investire in beni strumentali.

Beneficiari

Lo strumento è rivolto alle Pmi, operanti in tutti i settori produttivi, inclusi agricoltura e pesca, che realizzano investimenti (anche mediante operazioni di leasing finanziario) in macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché investimenti in hardware, software e tecnologie digitali.

Oggetto

Rimane confermata la tipologia di contributo concesso, pari al 2,75% annuo sugli investimenti ordinari, e un contributo maggiorato del 30% - pari al 3,575% annuo - per la realizzazione di investimenti in tecnologie digitali - compresi gli investimenti in big data, cloud computing, banda ultralarga, cybersecurity, robotica avanzata e meccatronica, realtà aumentata, manifattura 4D, Radio frequency identification - e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti.

Informazioni di approfondimento e relativa documentazione possono essere reperite alla pagina dedicata del sito del Ministero dello Sviluppo Economico.