Sono previste ulteriori misure a sostegno delle imprese e dei lavoratori autonomi, oltre a quelle già annunciate dai primi tre Decreti Ristori. Le principali misure riguardano:

  • la proroga del termine di versamento del secondo acconto delle imposte sui redditi e dell'IRAP
  • la sospensione dei versamenti fiscali e contributivi
  • l'estensione dei contributi a fondo perduto

Proroga del termine di versamento del secondo acconto delle imposte sui redditi e dell'IRAP

Il termine di versamento della seconda o unica rata dell’acconto delle imposte sui redditi e dell’IRAP è prorogato al 30 aprile 2021 per:

  • imprese e lavoratori autonomi con fatturato inferiore ai 50 milioni di euro nel periodo di imposta precedente e che hanno subito nel primo semestre 2020 una diminuzione del fatturato di almeno un terzo rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente;
  • imprese e lavoratori autonomi, a prescindere dai requisiti indicati al punto precedente, che operano nei settori economici individuati dagli allegati 1 e 2 del Decreto Ristori Bis, che hanno domicilio fiscale o sede operativa in una zona rossa.

Sospensione dei versamenti tributari e contributivi in scadenza nel mese di dicembre

Soggetti beneficiari:

  • imprese e lavoratori autonomi con fatturato inferiore ai 50 milioni di euro nel periodo di imposta precedente e che hanno subito nel primo semestre 2020 una diminuzione del fatturato di almeno un terzo rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente;
  • imprese e lavoratori autonomi, a prescindere dai requisiti indicati al punto precedente, che operano nei settori economici individuati dagli allegati 1 e 2 del Decreto Ristori Bis, che hanno domicilio fiscale o sede operativa in una zona rossa;
  • imprese e lavoratori autonomi che hanno intrapreso l’attività dopo il 30 novembre 2019;
  • a prescindere dai requisiti di fatturato e dalla sua diminuzione, i soggetti che:

Per i soggetti sopra indicati sono sospesi i termini di versamento, che scadono nel mese di dicembre 2020, relativi a: 

  • versamenti delle ritenute alla fonte
  • versamenti relativi all'IVA
  • versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali

I versamenti sospesi devono essere effettuati entro il 16 marzo 2021, anche attraverso rateizzazione, con un massimo di quattro rate mensili. Non viene rimborsato quanto già versato. 

Estensione dei contributi a fondo perduto ad ulteriori attività economiche

Il contributo a fondo perduto viene esteso ai soggetti che svolgono come attività prevalente una di quelle indicate dai codici ATECO riportati nell’Allegato 1 del Decreto Ristori Quater.

 

Ti è stata utile questa pagina?